In anteprima il nuovo libro di Paolo Ganz

Quote

Piccolo taccuino adriatico | Mare di CartaMercoledì 2 Aprile arriva in anteprima il nuovo libro di Paolo Ganz. Mare di carta Editore è felice di aggiungere al proprio catologo di libri un’opera firmata dallo scrittore e musicista veneziano Paolo Ganz.

Adriatico. Piccolo taccuino di viaggio questo il titolo del libro. Più che un viaggio un vagabondare, un saltabeccare letterario capriccioso e caparbio lungo la sponda orientale dell’Adriatico, sospinto dal moto perpetuo della risacca delle scoperte e dei ricordi. Senza regole e confini, seguendo solo la mappa dell’istinto e il vento della passione, la penna dell’autore scioglie gli ormeggi e racconta di arrivi e partenze, incontri e addii, uomini e donne, navi e naufragi, pesci, fari, musiche e tra- dizioni. Storie di cui il nostro mare è stato da sempre testimone e fidato custode.

Questo libro è un invito a camminare lungo la costa, riempirsi le tasche di conchiglie e guardare verso il mare dove tutto ha avuto ini- zio.

Il volume sarà disponibile nella nostra libreria già Mercoledì 2 aprile e in distribuzione dalla prossima settimana.

Paolo Ganz è molto amato in laguna non solo come scrittore. Raccoglie e inventa storie ma ha scritto anche articoli, saggi, musiche e canzoni, in campo musicale è autore del primo e più completo Metodo per Armonica Blues italiano (Bèrben, 1987)

Il calendario di presentazioni del libro è già fitto di appuntamenti che toccheranno molte città venete e non solo. Noi vi ricordiamo la presentazione “di casa” presso la nostra libreria GIOVEDI 8 maggio alle 18.00

 

 

Geografismi – mappe da collezione: La Regata Storica

mare di carta | regata storica

Ai tempi della Serenissima e ora come allora si passava il tempo divertendosi e praticando la voga. Dalla pratica amatoriale alle competizioni di velocità o durata ne avremmo di storie da raccontare!

Non è chiaro quando ebbe inizio la tradizione delle regate, tipicamente esse però avvenivano in Laguna e solo eccezionalmente si svolgevano in Canal Grande.

Il senato le promuoveva oltre che per il fare ludico e festoso, anche perché esse tenevano gli equipaggi allenati.

La Regata Storica è una manifestazione molto apprezzata dai turisti e sentita in particolar modo dai veneziani e come da tradizione si svolge lungo il Canal Grande la prima domenica di settembre.

La manifestazione è divisa in due fasi ben distinte tra loro: il corteo storico, che rievoca l’accoglienza trionfale riservata alla regina di Cipro, Caterina Cornaro al suo arrivo in città nel 1489, e, a seguire, le regate competitive che rappresentano l’evento remiero più importante della stagione.

La nostra riproduzione della Regata Storica nella collana dei Geografismi rappresenta una mappa narrativa che vi condurrà all’interno della festa e della competizione.

Vi troverete le illustrazioni di tutte le barche delle regate: il pupparin dei giovanissimi a due remi, la mascareta delle donne a due remi, la caorlina degli equipaggi a sei remi e il gondolino a due remi.

Una mappa tematica dunque per rivivere e assaporare l’atmosfera di questa festa marinara che vi riporta al passato e allo stesso tempo vi proietta nella competizione di una città maestra nell’arte del remo e della voga.

http://www.regatastoricavenezia.it/

Geografismi, mappe da collezione: El Redentor

Geografismi: mappe da collezione | El RedentorCi avete mai riflettuto quanti campanili e quante chiese ha Venezia? Osservate le architetture e il tessuto urbano, i veneziani sono e sono stati un popolo fortemente religioso.

Ecco che la festa del Redentore, la cui chiesa ad opera di Andrea Palladio sorge alla Giudecca rappresenta forse la più grande testimonianza di come un voto religioso in cambio della grazia dalla peste del 1575 si sia prepetrato con immutato coinvolgimento fino ai giorni nostri. Forse gli spiriti religiosi si saranno assopiti ma oggi come allora il popolo, le famiglie, gli amici e senz’altro i turisti e i forseti la notte del terzo sabato di luglio affollano festosi il Bacino di San Marco in barca e in riva alle fondamente della Giudecca, delle Zattere, di Riva degli Schiavoni. Ora come allora in un clima festoso si beve e si mangia in attesa dello spettacolo pirotecnico che si staglia dietro le guglie, le cupole e i campanili rendendo per una notte Venezia un teatro di colori unico.
Il nostro consiglio è di festeggiare almeno una volta nella vita la festa del Redentor!

L’antica cartografia oltre che orientare aveva anche la peculiarità di raccontare e con questo spirito abbiamo pensato alla collana Geografismi.

La carta del Redentor racconta la festa più amata dai Veneziani e lo fa cercando di catturare l’atmosfera oltre che la geografia della festa.

Ecco perchè più che scrutata in cerca di campi e calli va aperta e spiegata, raccontata, attraverso le immagini evocative a cura di Guido Fuga e Lele Vianello.

Ci sono tanti modi per portarsi a casa e serbare nel cuore qualcosa di Venezia. La carta del Redentor è sicuramente una soluzione!

 

Carta della laguna di Venezia

carta laguna veneziaPietro Mariutti, consulente cartografico, ha creato una Carta della laguna di Venezia, con scala 1:25.000, in cui dono dettagliate le batimetriche nei canali e all’esterno degli stessi. Il grande formato della mappa (circa 2,00 mt X 3,00 mt), ha indotto l’editore a rilegarla in un volume il cui formato è un maneggevole A4.

Com’è composta la Carta

La carta è divisa in otto tavole ripiegate, alle quali ne sono state aggiunte altre con tutti i porticcioli, gli approdi e i marina della laguna rendendo il volume, una mappa e, allo stesso tempo, un portolano. Vi sono, inoltre, tavole dei limiti di velocità in laguna, mentre nelle pagine informative è riportata una bibliografia sia dei siti utili sia dei testi pubblicati. I rilievi del Magistrato alle Acque saranno aggiornati a ogni ristampa.

Tradizioni e regate della vela al terzo

Tradizioni e regate della vela al terzoLa nostra proposta editoriale vuole colmare il vuoto che riguarda le tradizioni della nostra laguna. Benché siano numerosi i testi dedicati alle singole barche, tutti trattano del passato legato alla pesca e ai trasporti. Fino ad ora, mancava un testo che parlasse del presente, delle barche recuperate o di quelle costruite ex-novo, dell’associazione AVT che tanto ha fatto in questi vent’anni per coltivare la passione per le tradizioni, dando, però, spazio all’evoluzione delle forme e dei materiali. Inoltre, il libro contiene un calendario delle regate, seguitissime e forse ultimo baluardo della venezianità sincera, propositiva e attenta ai problemi della laguna e del suo fragile e prezioso ambiente.

Il corpo del testo

Il volume si compone di diversi capitoli:

  • Introduzione storica sulla laguna.
  • I cantieri e le tecniche di costruzione: passato e presente, tradizione ed evoluzione.
  • La vela al terzo, le origini, l’evoluzione, le barche.
  • Armo: le vele, le attrezzature di coperta, le appendici (timoni), i piani velici e le andature.
  • Le regate: la storia, le classifiche, l’AVT.

Il corredo iconografico

La parte storica è illustrata con foto d’epoca mentre la parte tecnica, relativa ai tipi di barche, è illustrata da Alex Pagnacco, comunque, tutto il volume è corredato da foto contemporanee delle barche naviganti e regatanti.

La carrozza di Venezia, storia della gondola

La Carrozza di Venezia: Storia della GondolaLa gondola è un imbarcazione senza storia o meglio, di storia ne ha tanta, ma nessuno si è mai curato di ufficializzarla poiché fino a poco tempo fa è stato un mezzo comune con cui ci si spostava da un punto all’altro della città, come altrove si faceva con le carrozze. Questo libro, quindi, vuole riempire questa lacuna e ripercorrere l’evoluzione di quella che si può a buon diritto definire la barca più famosa del mondo e che nel 2089 celebrerà i mille anni da quando per la prima volta il suo nome comparve in un documento.

L’evoluzione del mezzo di trasporto più rappresentativo di Venezia

Da semplice barchetta con la poppa rialzata, a capolavoro della dinamica e dell’artigianato navale, la gondola ha continuato a evolversi e i cambiamenti non si fermano neanche oggi. In queste pagine scoprirete le differenze tra le gondole di Casanova e quelle di oggi, apprenderete che in gondola si mangiava, leggeva, conversava, amoreggiava e addirittura si commettevano delitti. Per questo la barca veneziana è stata protagonista assoluta di opere, operette, musical, composizione solistiche, quadri, fumetti, film ed è così famosa che anche il Giappone, gli Stati Uniti d’America, Londra, Parigi, ne hanno creato una propria.

Per saperne di più: www.alessandromarzomagno.it

Navigare in alto Adriatico

Navigare in alto adriaticoDalla fortunata combinazione tra passione per il mare e il piacere di raccontarlo nasce Navigare in Alto Adriatico – Golfo di Trieste, una sorta di piccolo portolano culturale ricco di curiosità e consigli pratici che trova le sue ragioni nella storia stessa di questo mare.

L’Adriatico come centro nevralgico della nostra cultura

In questa porzione di Mediterraneo non si snoda soltanto un intreccio di nazioni e culture, ma è soprattutto un grande spazio di confronto per tutti quelli che ci lavorano e lo vivono, siano essi pescatori o carpentieri, sportivi o turisti: ognuno apporta un punto di vista diverso. Ma non solo. L’Adriatico rappresenta un nuovo motivo di attrazione per tutti quelli che lo amano e che, navigatori o no, possono scoprire grazie ad esso, il passato e il presente di tanti luoghi sparsi lungo queste affascinanti coste.

Un libro tutto da guardare e navigare

Dopo Navigare in Laguna, Mare di Carta propone, con lo stesso spirito, un titolo sulla costa fra Lignano e Umago corredato da oltre 100 immagini fotografiche e quattro mappe sintetiche arricchite dagli splendidi disegni a matita dell’artista- velista Bruno Catalan.

Mi piace pensare a questo libro come a una sorta di scrigno pieno di curiosità e notizie, ma anche di informazioni pratiche per gli amanti di quest’angolo di Mediterraneo.

Patrizia Piccione, Il piccolo 24/8/12

E’ una specie di piccolo portolano (scritto in tre lingue: italiano, sloveno e tedesco), ma non aspettatevi la classica guida tecnica con informazioni schematiche; questo può essere definito un “portolano culturale”.

Recensione pubblicata sul numero 608 della Rivista Nautica.

Arte dei nodi

Arte dei Nodi | Mare di carta editore
Il libro di Des Pawson è in realtà il risultato finale di un “ricettario di nodi” nato più di trenta anni fa, quando l’autore iniziò a prendere appunti sulle dimensioni di ogni oggetto finito, materiali, segreti e utili astuzie.

Una raccolta divertente ma allo stesso tempo interessante

In questo testo, l’autore, condivide con i lettori una selezione dei suoi lavori, affinché, adattandoli alle proprie necessità, possano creare oggetti con i nodi. Infatti, dopo una sezione intitolata Trucchi del mestiere, presenta trentacinque progetti base, sia marinareschi (come parabordi e rivestimenti del timone), sia d’uso generale, (come portachiavi e zerbini).

Fisiopatologia dell’Apnea

Fisiopatologia dell'Apnea | Mare di Carta EditoreRiguardo alla pratica sportiva dell’apnea a immersione e ai suoi molteplici metodi di allenamento è presente una vasta letteratura, anche di ottima qualità, generata, di solito, da istruttori, atleti di prestigio internazionale o da semplici cultori, indirizzata prevalentemente ad atleti e allenatori e attinente, nella maggior parte dei casi, agli elementi più squisitamente pratici e pragmatici dell’argomento, come l’allenamento e la sicurezza in acqua.

Una guida didattica per i meno esperti

Certamente questa letteratura non tiene in considerazione chi possiede competenze ancora dubbie o incomplete su un argomento come l’apnea che è oggetto di continui studi e ricerche. Molti, ad esempio, disconoscono quale notevole impegno di natura fisiopatologica l’apnea da sola o attuata in iperbarismo, genera sull’organismo umano, a partire dalle singole cellule, fino agli agglomerati tessutali più complessi. Questo libro, scritto da Ferruccio Chiesa, dunque, tratta nella maniera più completa possibile e accessibile a tutti, una disciplina sportiva recente nei suoi elementi conoscitivi e didattici, eppure in continua rapida evoluzione per quanto riguarda sia il reclutamento di giovani atleti, sia il raggiungimento di prestazioni atletiche di incredibile valenza.