Zavrel / Gagliardi, Bohem, 2014

Il ladro di colori

15.50
Un giorno in un giardino incantato arriva uno strano omino, sottile e grigio come l’ombra della sera. Sfiora le piante e gli animali con la sua spugna magica e ruba così il loro colore. Solo un bambino può rompere l’incantesimo... “Quando sono triste, tutte le cose perdono il loro colore, diventano grigie. Chi mi ruba i colori, mamma?” Da questa domanda di mia figlia bambina, racconta l’autrice, è nata la fiaba “Il ladro di colori”: quasi un mito in miniatura imperniato sul rapporto tra la percezione del colore e lo stato d’animo infantile.

Vuoi tenerti aggiornato?

Iscriviti alla newsletter per non perdere le occasioni di incontro e approfondimento e scoprire anche libri e corsi che non ti aspettavi