Considerato attraverso gli occhi di chi, da 25 anni, si occupa di libri di mare, il tema della sicurezza è spesso sottovalutato dai navigatori italiani. Come se parlare di problemi, potesse “chiamare” i problemi.
Eppure diversi editori si sono cimentati nella pubblicazione di testi su come affrontare le emergenze in mare o, ancora meglio, come prevenirle.
Avere una base teorica non ci protegge completamente, ma ci permette di non trovarci impreparati e quindi psicologicamente si riesce ad affrontare un evento negativo con maggior lucidità, calma e freddezza.

Toccare il fondo, avere una cima arrotolata sull’elica, trovarsi col motore che non parte in una situazione critica. O ancora recuperare un uomo a mare, magari ferito e quindi non in grado di risaliree da solo in barca. Rimorchiare un’altra barca o farsi rimorchiare.

In questo articolo vogliamo proporre una carrelata di vari titoli, diversi come approccio, ma tutti utili nel presentare i vari argomenti.

 

L’ultimo arrivato in libreria è Navigare in Sicurezza, Casti Editore: si parte da una checklist, che ci permette di verificare di avere tutte le dotazioni in regola ed efficaci. Dai salvagenti, alla zattera, ai fuochi, passando per la radio e la strumentazione in genrale. Nella seconda parte del volume vengono affrontate le emergenze vere e proprie!
In Prevenire le emergenze in mare, Magenes editore, l’autore parte da un controllo preventivo, prima di partire in crociera, della barca stessa: innanzi tutto la nostra barca è marina? Come affronterà il maltempo? Poi, con la barca a terra si passa al controllo dello scafo passando dagli scafi in legno a quelli in metallo o in vetroresina. E, sempre prima di partire, un bel controllo al motore e alla strumentazione, inclusi gli strumenti per comunicare, il Vhf, il Gmdss ecc.
Mursia ha invece pubblicato qualche anno fa un manuale illustrato, molto intuitivo e che, secondo noi, non divrebbe mai mancare a bordo di una barca. Il titolo è Manuale di Vela, ma in realtà è un manuale per affrontare le emergemze, dando per scontato che se vai a vela saper affrontare i problemi fa parte della navigazione stessa!!
L’editore IBN con il volume La sicurezza nella nautica da diporto, parte da un approccio più legale e tecnico con la catena degli eventi e utili schede di controllo che consentono din sposare un approccio programmatico, poco codificato nella nautica da diporto. Gli autori intendono portare il lettore ad allontanarsi da un superficiale fatalismo del navigante e arrivare ad una responsabile cocoscenza dei rischi che si possoino correre.
Infine ci piace riprorre un volume che ormai è quasi un classico: Salvataggi Leggendari, ed. Nutrimenti. In copertina una foto che ha fatto la storia della navigazione recente: Isabelle Autissier salvata da Giovanni Soldini nell’edizione del 1999-2000 dell’Around Alone. Si tratta di navigazioni estreme, effettuate da navigatori estremi, ma amnche da queste esperienze possono arrivare insegnamenti utili anche al diportista.

Vuoi saperne di più: vista la pagina sulla sicurezza in mare del nostro portale!